Slideshow

Chi siamo

Situata nella magnifica piazzetta di Boccadasse, l’Antica Osteria Dindi è un luogo di relax e buona cucina per eccellenza. Prelibatezze liguri, a due passi dal mare. E una storia che parla da sè. Il ristorante è il locale storico di Boccadasse, aperto da 110 anni. Un ambiente, con tanto di dehor esterno, tutto in stile marinaro, adiacente a quella spiaggia tanto amata dai genovesi e pure da personaggi famosi.

Davide Boncore lo gestisce dal 2007 (dopo le gestioni storiche delle famiglie Miron prima e Pigna poi), e ha coronato un sogno: «Quello di stare in uno dei posti più belli della Liguria e di accogliere e deliziare le persone con le specialità della nostra terra». Un compito assolto, in primo luogo, dallo chef Antonio Matzuzi. Menu a base di pesce sempre fresco, ovviamente, ma non mancano specialità liguri come la Focaccia al Formaggio, sempre preparata al momento, il Pesto alla Genovese con le Trofie; e pure qualche secondo piatto di carne, soprattutto tagliate e filetti. «Per il pesce – prosegue Boncore – sono due, essenzialmente, i nostri fornitori. Il primo è il gozzo di fiducia di Lolli Finocchi e Massimo Droghetto: esce in mare due volte al giorno, mattino e pomeriggio, e i pescatori ritornano con capponi, ricciole, corvine, longobardi, aragoste, pescatrici, dentici e paggelli, che poi lo chef Antonio prepara in cucina. L’altro fornitore, invece, è la ditta Martini, che ci fa arrivare i pesci degli altri mari».

Deliziose, e leggerissime, le fritture, sia quella mista sia quella classica di acciughe, sicuramente tra i piatti più richiesti. L’abbinata? «In prevalenza vini liguri, tra cui il Vermentino della Riviera di Levante sul quale abbiamo messo il nostro marchio Dindi. Ma anche altre cantine per Vermentino e Pigato, come la Cantina Boboli». L’Antica Osteria Dindi, inoltre, è un locale ufficialmente riconosciuto dalla prestigiosa etichetta Moet & Chandon, che consegna periodicamente al ristorante le sue migliori casse di champagne riserva. Un marchio che sposa un altro marchio. Perché Dindi, forte del suo logo accattivante, punta a diventare un “brand”: non a caso, il logo è ben visibile, oltre che sulle divise dei dieci dipendenti (a partire dal maitre Emad Farag), anche sull’etichetta del Vermentino “della casa”, sulle sedie, sugli ombrelloni, sulle sdraio che Boncore riserva ai suoi clienti migliori per un po’ di relax sulla spiaggia e, ancora, sulle t-shirt e sui sacchettini. Altra prestigiosa collaborazione, quella con la gelateria storica di Boccadasse, per quanto riguarda i dolci. E, oltre al ristorante, il Dindi è operativo anche come bar, per le colazioni e per gli aperitivi.

Curiosità: la propria “recensione” si può lasciare direttamente sui muri del locale, con il pennarello nero, blu o rosso consegnato direttamente dal titolare. L’orario del locale è dalle 10 del mattino alle 2 di notte. Apertura sette giorni su sette, tutti i giorni dell’anno.